Filmografia – 1938

Avventura a Vallechiara

Titolo originale: SWISS MISS
Scritto: nell’ottobre-novembre 1937
Girato: nel dicembre 1937 e terminato nel febbraio 1938
Rilasciato dalla: MGM nel maggio 1938
Durata: 72 minuti, sonoro
Prodotto da: Hal Roach
Diretto da: John G. Blystone
Cast: Stan Laurel, Oliver Hardy, Walter Woolf King, Della Lind, Eric Blore, Charles Judels, Ludovico Tomarchio, Anita Garvin, Charles Gemora.

Si tratta di un lungometraggio musicale. Il maestro austriaco Albert noleggia un intero albergo nella località svizzera di Vallechiara per potersi dedicare in tranquillità alla composizione di una operetta senza la presenza della moglie, affermata cantante, nei cui confronti soffre di gelosia professionale. Gli americani Stanlio e Ollio, venditori di trappole per topi, piazzano tutto il loro materiale in cambio di una banconota fasulla con cui pretendono di pagare il pasto luculliano che consumano presso l’albergo e che risarciranno col lavoro di garzoni. Arriva la moglie del compositore che egli respinge, ma che resta imitando Stanlio e Ollio e cioè consumando un pasto senza pagarlo. I due, fra una strage e l’altra di stoviglie, aiutano in realtà la cantante a conquistare il marito mentre Ollio si illude di essere lui il preferito ed anzi si esibisce in una serenata con accompagnamento di trombone. Famosa la gag di Stanlio che, mentre spenna delle galline, tenta senza successo l’approccio col cane san bernardo, ma poi simula una tempesta di neve con tutte le penne e riesce a raggiungere e vuotare la fiasca di cognac del cane.

20 anni dopo

Titolo originale: BLOCK-HEADS
Scritto: nel maggio-giugno 1938
Girato: nel giugno-luglio 1938
Rilasciato dalla: MGM nell’agosto 1938
Durata: 58 minuti, sonoro
Prodotto da: Hal Roach
Diretto da: John G. Blystone
Cast: Stan Laurel, Oliver Hardy, Minna Gombell, Billy Gilbert, Patricia Ellis, James Finlayson.

Trama

Durante la prima guerra mondiale la fanteria americana in Francia è impegnata in un attacco alla baionetta cui partecipa Ollio. Stanlio invece riceve l’ordine di restare a presidiare la trincea. Vent’anni dopo è ancora là fedele alla consegna e anzi spara ad un aereo, dal cui pilota apprende che la guerra è finita da un bel po’. Rientrato in America, viene ritrovato da Ollio e portato a casa sua, dove impera una moglie autoritaria, per offrirgli un bel pranzo. La moglie se ne va e i due preparano il pranzo mettendo a soqquadro l’appartamento, per sistemare il quale dà una mano una vicina. Il rientro della signora Hardy e del marito della vicina (Billy Gilbert), famoso cacciatore appena rientrato da un safari, nonché la successione di una serie di sfavorevoli equivoci sono gli ingredienti per un finale che vede Stanlio e Ollio in fuga, presi a fucilate dal cacciatore.
Il film costituisce una vera e propria miniera di gags come quella irresistibile di Ollio che porta a lungo in braccio Stanlio credendolo amputato di una gamba e di Stanlio che riesce a chiudere le tapparelle nelle immagini delle finestre riflesse sul muro.