I fumetti di Stanlio e Ollio

Fumetti, strisce, cartoni animati sulla coppia. Questo è lo spazio adatto

Moderatori: Lorenzo Tremarelli, AlexR

Rispondi
Avatar utente
Cuckoo
Messaggi: 40
Iscritto il: 29/01/2020, 22:25
Ha ringraziato: 29 volte
Grazie ricevuti: 21 volte
Contatta:

I fumetti di Stanlio e Ollio

Messaggio da Cuckoo »

Il successo degli slapstick nel cinema di inizio Novecento suggerì fin da subito la trasposizione delle comiche nel mondo dei fumetti, grazie soprattutto alla caratterizzazione dei personaggi e all’umorismo semplice delle gag che ben si adattavano a storie realizzate con disegni in sequenza.
I grandi comici del cinema muto, da Chaplin a Buster Keaton, da Ridolini ad Harold Lloyd, conquistarono un vasto pubblico di lettori con la pubblicazione di fumetti a loro ispirati su riviste e quotidiani. Naturalmente non potevano mancare Laurel e Hardy che anche nel mondo dei fumetti si contraddistinsero per un successo di gran lunga più diffuso e duraturo dei loro colleghi.
La prima serie di fumetti intitolata Laurel and Hardy uscì in Inghilterra nel novembre 1930 sul settimanale Film Fun.
Alla coppia si dedicò in Italia Jean Buttin (al secolo Giovanni Bottini) con la storia fumettata a puntate “la cura contro il raffreddore” apparsa sul Giornalino di Nonno Ebe nel 1933 (personalmente non sono mai riuscito a vederne una copia).
Bisognerà aspettare il 1934 quando il settimanale per ragazzi Mastro Remo inizierà la pubblicazione a colori delle storie di “Stan e Oliver” (disegnati da Olindo Missigoi).
E' interessante notare che, come accadeva per il Corriere dei piccoli, la prima pagina del Mastro Remo era sempre dedicata a una storia di una sola tavola con vignette private delle nuvolette e sostituite da didascalie in rima a commento del racconto figurato.
Il Mastro Remo, fondato dal giornalista Mario Granbassi, veniva stampato a Trieste e restò in edicola per 57 numeri.
mastro remo2.jpg
mastro Remo.jpg
Successivamente con il nome di Criche e Croc fu l’editore Mario Conte a riportare in pubblicazione periodica tra il 1938 e il 1958 le avventure di Laurel e Hardy, questa volta con degli albi dedicati completamente al duo, complice un eclettico artista, Andrea Da Passano, che ne disegnò la maggior parte delle storie.
Inizialmente Conte si avvalse della casa Editrice Vittoria per stampare Gli albi dell'allegria - CRICHE E CROC (1938) e Le Più Belle Fiabe (1939).
Dal 1946 fu la Casa editrice Edital di Milano (fondata da Conte nel dopoguerra) a riprendere la pubblicazione degli Albi di Criche e Croc (1946-48).
Visto il crescente successo in quegli anni la Edital arrivò a stampare altri 7 giornaletti periodici: Il Giornalino di Criche e Croc (1948), Criche e Croc Film (1948-49), Il Piccolo Criche e Croc (1948-49), Albi di Criche e Croc Serie Successo (1949), Il Nuovo Criche e Croc (1949-50), Criche e Croc Magazzino (1949) e Criche e Croc Superalbo (1950-51).
criche.jpg
In seguito una miriade di numeri distribuiti da testate editoriali diverse apparvero in edicola in maniera più o meno costante, traducendo sia i fumetti americani realizzati da Larry Harmon (produttore che deteneva i diritti sui personaggi di Laurel e Hardy) sia proponendo nuove storie realizzate da disegnatori italiani.

Nonostante le svariate versioni, alcune caratteristiche dei fumetti di Stanlio e Ollio sono rimaste invariate nel tempo: i due amici vivono avventure semplici e lineari, abitano insieme e vestono perennemente in giacca e cravatta, come nei loro film, pur avendo entrambi le scarpe bucate a sottolineare la loro condizione di perenne indigenza.

Ad aprile del 2019 negli Stati Uniti, grazie alla American Mythologic Comics, è uscito il primo numero del un nuovo libro a fumetti Laurel & Hardy scritto da S.A. Check e disegnato da Jorge Pachecho. L’intento dichiarato è quello di riportare in una nuova veste grafica le commedie slapstick di Stanlio e Ollio. Chissà se non rivedremo presto anche l’edizione in italiano…
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.


“Con il cinema muto
potevamo fare qualunque cosa,
e ci riuscivamo.”
(Buster Keaton)

Avatar utente
Gaetano
Amministratore
Messaggi: 160
Iscritto il: 23/01/2020, 20:55
Ha ringraziato: 28 volte
Grazie ricevuti: 24 volte
Contatta:

Re: I fumetti di Stanlio e Ollio

Messaggio da Gaetano »

Fantastico post; ma dove le hai trovate


Laurel & Hardy story
La vita e l'opera della più straordinaria coppia comica di tutti i tempi
www.laurel-e-hardy.it

Avatar utente
Cuckoo
Messaggi: 40
Iscritto il: 29/01/2020, 22:25
Ha ringraziato: 29 volte
Grazie ricevuti: 21 volte
Contatta:

Re: I fumetti di Stanlio e Ollio

Messaggio da Cuckoo »

Sono solo un appassionato di fumetti (tra l'altro :) )
Alcune notizie si trovano già sul web ma mi sembrava carino fare un pò di chiarezza ;)


“Con il cinema muto
potevamo fare qualunque cosa,
e ci riuscivamo.”
(Buster Keaton)

Avatar utente
Cuckoo
Messaggi: 40
Iscritto il: 29/01/2020, 22:25
Ha ringraziato: 29 volte
Grazie ricevuti: 21 volte
Contatta:

Re: I fumetti di Stanlio e Ollio

Messaggio da Cuckoo »

Un altro pezzo della storia del fumetto di Stanlio e Ollio (man mano che vengono fuori li aggiungo :D )
bombolo15r.jpg
siamo sempre a metà degli anni 30 ed è il settimanale Bombolo, edito dalla Saev di Lotario Vecchi, a riportare le prime storie di Laurel e Hardy. Il giornalino non ebbe particolare successo (più tardi cambierà nome in Cine Comico) ma è ricordato perchè sulle sue pagine avvenne l’esordio italiano di Braccio di Ferro.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.


“Con il cinema muto
potevamo fare qualunque cosa,
e ci riuscivamo.”
(Buster Keaton)

Avatar utente
Cuckoo
Messaggi: 40
Iscritto il: 29/01/2020, 22:25
Ha ringraziato: 29 volte
Grazie ricevuti: 21 volte
Contatta:

Re: I fumetti di Stanlio e Ollio

Messaggio da Cuckoo »

Grazie alla segnalazione di un amico sono riuscito a reperire un frammento della Cura del raffreddore apparsa sul Giornalino di Nonno Ebe nel 1933. E' un pezzo davvero raro; per quello che so è la prima produzione di un fumetto di Laurel & Hardy in italiano.
IMG_20200205_161030.jpg
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.


“Con il cinema muto
potevamo fare qualunque cosa,
e ci riuscivamo.”
(Buster Keaton)

Avatar utente
Cuckoo
Messaggi: 40
Iscritto il: 29/01/2020, 22:25
Ha ringraziato: 29 volte
Grazie ricevuti: 21 volte
Contatta:

Re: I fumetti di Stanlio e Ollio

Messaggio da Cuckoo »

Per completare il discorso dei fumetti anni 30 aggiungo altri due pezzi di storia.
Laurel e Hardy del disegnatore inglese George William Wakefield imperversano un po’ in tutti i numeri di Bombolo, e in occasione del successo del film Fra’ Diavolo (The Devil's Brother, 1933) occupano la copertina anche con una grande foto.
bombolo.jpg

Quello qui sotto invece è un estratto dal giornale Cinecomico (ex Bombolo) del 1935
Cinecomico.jpg
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.


“Con il cinema muto
potevamo fare qualunque cosa,
e ci riuscivamo.”
(Buster Keaton)

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite