Laurel & Hardy video
Benvenuto
Login / Registrati

STANLIO E OLLIO ALLA RISCOSSA (1962)

In primo piano

Ci dispiace, questo video e' visibile solo agli utenti registrati.

Fai un login o registrati per vedere questo video.

Grazie! Condividilo con i tuoi amici!

URL

Non hai gradito questo video. Grazie per il feedback!

Ci dispiace, solo gli utenti registrati possono creare le playlists.
URL


564 Visioni

Descrizione

Film di montaggio italiano completo, che unisce i cortometraggi "Buone vacanze (1932) - I monelli (1930) - I ladroni (1930) - Fratelli di sangue" (1935)
Doppiaggio: Mauro Zambuto, Alberto Sordi, tranne per "I ladroni" di Fiorentini e Croccolo
Trama:
Stanlio e Ollio vendono il pesce, e pensano di mettersi in proprio, costruendosi una barca a vela. I due ci riescono, ma Stanlio riesce a distruggerla! Successivamente i due si sposano, e fanno due figli gemelli, Stanlino e Ollino, che sono proprio due pesti! Quando i bambini sono spediti in camera in punizione, la allagano per bene! I due amici allora finiscono vagabondi, e vengono assoldati da un poliziotto per inscenare una falsa rapina nella casa del Capo Dipartimento, per avere una cospicua promozione. Stanlio e Ollio accettano, ma le cose non vanno come previsto, e il poliziotto è accusato di tentata rapina. Finalmente Ollio si sposa, benché la consorte sia una vera vipera, e Stanlio va a vivere da affittuario con lui; ma la casa è ipotecata, e così Ollio e Stanlio decidono, in segreto, di andare a ritirare i 300 dollari dalla banca che manacano per il pagamento completo delle rate. Ma nel viaggio sono attirati da una vendita all'asta, e non volendo, spendono tutti i 300 dollari per una vecchia pendola, che finisce per altro sotto un camion! La moglie di Ollio è furibonda e picchia Ollio, tanto che finisce in ospedale, necessitante di una trasfusione di sangue. Il gruppo sanguigno è uguale a quello di Stanlio, e nel prelevarlo, si crea un gran miscuglio, che inverte le "personalità" dei due amici,

Posta un commento

Accedi o Registrati per postare commenti.

Commenti

Commenta per primo questo video.
RSS